Nell’ambito del Meeting ci sono anche numerose e straordinarie opportunità formative: oltre i seminari della Scuola di Cammini, si presenta l’offerta formativa di SIMTUR, dell’Accademia Creativa Turismo e del Master in Reportage di Viaggio dell’Università di Roma Tor Vergata. Ma gli appuntamenti più attesi sono i laboratori itineranti di mappatura partecipata.

Il comune denominatore di queste attività è che non sono intraprese da cartografi o professionisti ma da gruppi di persone con interessi e caratteristiche comuni, come ad esempio la salvaguardia e la tutela del territorio, oppure la valorizzazione di determinate caratteristiche geografiche, storiche o socioculturali.

Le mappe nascono da semplici passeggiate o escursioni, in un clima informale di socialità come nelle migliori prassi dell’apprendere camminando proposto dalla Scuola di Cammini. Con risultati straordinari, sia perché in grado di fornire un ampio spettro di informazioni o di concentrare l’attenzione su una sola variabile (ad esempio la presenza di attrattori culturali o di risorse naturali, di servizi e strutture di ospitalità, ecc.), sia perché la creazione di una mappa condivisa è un eccezionale momento di comunità.

Apprendere camminando:
i laboratori di mappatura partecipata sono eccezionali momenti di comunità

Ciò che rende di grande valore il processo è la multidisciplinarietà delle sue implicazioni. Non soltanto perché la lettura di un territorio attraverso le informazioni fornite dai residenti può consentire di analizzare il livello di fruibilità o di qualità ma, consentendo l’emersione condivisa di aspetti socioeconomici e socioculturali, rappresenta una prassi civica utile all’aumento della coesione della comunità locale.
Un primo passo fondamentale per entrare in una logica di miglioramento del territorio con un aumento della responsabilità diffusa nei confronti del bene comune che – sua volta – sostiene un maggior engagement a livello decisionale.

L’idea del crowdmapping non è nuova nel mondo anglosassone ma nel nostro Paese stenta a decollare. Per questo motivo il partenariato di All Routes lead to Rome ha deciso di avvalersi di un partner tecnologico assolutamente straordinario: Ammappalitalia!

Sei cuorioso? Vuoi saperne di più? Entra nella sezione dedicata. Ti aspettiamo!

 

Rispondi