OVUNQUE VI SIA UN ESSERE UMANO, VI È LA POSSIBILITÀ PER UNA GENTILEZZA (SENECA)

La gentilezza è difficile da definire ma facile da riconoscere, sono gentili le azioni amichevoli, rispettose, emotivamente attivanti, che suscitano il sorriso e la gratitudine in chi le riceve come una sorpresa piacevole, generando un inaspettato senso di benessere.
E quindi consentono di trovare nuove alleanze, abbattere le barriere, riconoscere e rispettare le differenze e le preferenze.

La gentilezza è qui dunque intesa come una competenza abilitante, da allenare per migliorare l’accoglienza, l’ospitalità, la fruizione, l’accessibilità, l’inclusione, il rispetto e la sicurezza di tutti, a partire dagli utenti più deboli e più fragili della strada.

Gentilezza

GLI EFFETTI DELLA GENTILEZZA

La V edizione di All Routes lead to Rome si terrà dal 23 ottobre all’8 novembre 2020, proponendo di rallentare per due settimane e soffermare lo sguardo sugli effetti della gentilezza. Dopo aver dedicato attenzione alla lentezza e alla bellezza, il Meeting propone la gentilezza come terzo pilastro della mobilità dolce, verso un futuro migliore e una società più aperta e inclusiva.

I temi trattati saranno: la gentilezza con se stessi, a scuola, nelle organizzazioni, nella cura delle malattie, negli ospedali, nelle piazze e nelle strade come elemento di sicurezza, di condivisione, di accoglienza e di condivisione sincera: tutti elementi che contribuiscono all’affermarsi della mobilità dolce e a disegnare una società migliore.

Praticate gentilezza a casaccio e atti di bellezza privi di senso (Anne Herbert).

Per essere laboratorio, il Meeting sosterrà la necessità di praticare gentilezza – nel linguaggio, nei pensieri e nelle azioni – con l’intento di scatenare una contagiosa euforia da gentilezza.

Non mancheranno i consueti incontri e confronti tra le migliori prassi di mobilità dolce e turismo sostenibile, né gli appuntamenti consolidati, ma il Meeting invita a proseguire nel percorso di ampio coinvolgimento avviato nel 2016 per la costruzione di un futuro migliore, più equo e più inclusivo, proponendosi come piattaforma di dialogo strutturato e come osservatorio delle sfide con cui la società contemporanea è chiamata a confrontarsi.

I pilastri del Meeting