Un viaggio in Campania non può che iniziare da Napoli, non tanto perché capoluogo e città più accessibile della regione, quanto perché una delle città più celebri al mondo, con un carattere straordinario e un colore inimitabile. Così la celeberrima Costiera Amalfitana, con alcuni dei panorami più conosciuti del pianeta, grazie anche ai film che negli anni ’50 e ’60 hanno esportato l’immagine tipica dell’Italia “Dolce Vita”. Superata la Costiera si giunge a Salerno, una città dal centro storico elegante e molto adatto per tour in bici alla ricerca dei suoi più bei monumenti..

Napoli, Salerno, Avellino, Benevento e Caserta: il “Grand Tour” della Campania non può esimersi dall’attraversare tutti e cinque i capoluoghi di provincia, percorrendo centinaia di km su strade vicinali, strade bianche e secondarie, immaginando di rincorrere la carrozza di Johann Wolfgang Von Goethe nel suo “Viaggio in Italia” alla ricerca della classicità e della bellezza, fin sopra il Vesuvio.

Un itinerario speciale, di 55 km percorribili a piedi o in bici (anche elettrica) è il “Cammino dell’Anima“, che consente di attraversare il territorio nord-occidentale della Provincia di Benevento, da Faicchio a Pietrelcina – luogo natale di padre Pio – facendo tappa a Faicchio e San Salvatore Telesino, ricche di testimonianze storiche di epoca sannita, normanna e longobarda. Magari approfittando per una tappa presso il rinomato centro termale di Telese Terme, zona di produzione vitivinicola del Castelvenere.


Alla Board nazionale degli Itinerari, aderiscono itinerari da percorrere in ogni stagione dell’anno:

Rispondi