Il Meeting è influenzato dalla visione che possa esistere una Economia della Bellezza, nel convincimento che l’Italia sia una Repubblica fondata sul capolavoro: un Paese che non può continuare a percepirsi “bello” soltanto perché dotato di antichi patrimoni ereditati dal passato (da sfruttare parassitariamente come “pozzi petroliferi” nella logica della rendita di posizione) ma deve piuttosto iniziare a puntare su fattori finora ritenuti “inusuali” o “infruttiferi”, come la cura dei beni comuni, la manutenzione dei paesaggi e della qualità urbana, il benessere e la felicità dei cittadini.

Come? Facendo leva sulla mobilità dolce che consente di connettere i territori, ricucire lo strappo tra paesaggi urbani e periferie, recuperare la dimensione sociale delle comunità locali, puntando sulla qualità della vita nei territori di provincia, sull’entroterra, sull’agricoltura e sull’artigianato di eccellenza, sul “Made in Italy”, sulle piccole imprese e sull’industria creativa e culturale.

Anche nel 2019, attraverso la IV edizione, la mobilità dolce e il turismo sostenibile sono intesi dunque come volani di un’Italia che recupera il proprio posizionamento nella storia, nella geografia e nel futuro – cerniera tra Europa e Mediterraneo – per innovare i modelli di fruizione dei beni comuni, in una chiave improntata all’economia circolare, che non è soltanto etica ma in grado di produrre innovazione sociale.

LA mobilità dolce PRODUCE Infinite connessioni di valore tra paesaggi, culture e patrimoni: nuovi modelli di ECONOMIA CIRCOLARE e DI INNOVAZIONE SOCIALE

Seminari, incontri, presentazioni e workshop apriranno il confronto sui seguenti argomenti:

  • Itinerari, Rotte, Cammini e Ciclovie
  • Turismo sostenibile
  • Mobilità lenta
  • Accessibilità e sicurezza stradale
  • Case Cantoniere
  • Stazioni ferroviarie dismesse e impresenziate
  • Ciclovie e Cicloturismo
  • Beni Culturali
  • Patrimoni materiali e immateriali
  • Marketing territoriale
  • Comunità ospitali
  • Aree interne / Sviluppo rurale
  • Borghi / Piccoli Comuni
  • Parchi, aree protette e riserve naturali
  • Tradizioni e Rievocazioni storiche
  • Enogastronomia e Tipicità
  • Turismo religioso e interreligioso
  • Parchi culturali ecclesiali
  • Dialogo, confronto, conoscenza, rispetto, Pace

Ampio spazio è dedicato allo straordinario patrimonio culturale e ambientale di Roma, capitale di bellezza e simbolo del Paese, anche nelle sue contraddizioni: le giornate del Meeting saranno occasione per rileggere il paesaggio e il territorio attraverso esperienze dirette, con passeggiate letterarie, cammini, trekking urbano, cicloesplorazioni, degustazioni, concerti, spettacoli, aperture straordinarie, visite guidate e molto altro ancora.

 

Rispondi